Get Adobe Flash player

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

L’incasso sarà devoluto al gruppo appartamento “L’atra metà del cielo”

mio padre“Mio Padre” porta a teatro una storia di violenza avvolta nel silenzio che avviene all’interno di una rispettabile e benestante famiglia. Lo spettacolo sarà di scena mercoledì 21 novembre alle 19 al Teatro Zona Vomero (via Mario de Ciccio,18) per iniziativa dell’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani (AMI) e Inbilicoteatro e Film.

La pièce teatrale è tratta dall’omonimo racconto di Letizia Vicidomini, autrice di avvincenti romanzi come Notte in bianco, Nero diario di una ballerina, La poltrona di seta rossa, e speaker radiofonica. “Mio Padre” è incluso nell’antologia “Una mano sul volto” curata da Maurizio De Giovanni e incentrata sul delicato argomento della violenza di genere, parte di un progetto più complessivo realizzato dall’AMI che si occupa da anni di tutelare i minori e le famiglie attraverso un approccio multidisciplinare. 

In scena Bruno Minotti e Ramona Tripodi, che ne firma adattamento e regia.

Alla serata interverrà l'avvocato Valentina de Giovanni, presidente dell’AMI della sezione distrettuale di Napoli, da sempre in prima linea sul tema della violenza contro le donne. “In Italia una donna su tre muore per mano del partner. Si muore più per questo che per un cancro al seno o per mano della camorra - spiega Valentina De Giovanni – E’ urgente un ulteriore sforzo legislativo che si preoccupi di creare un corpo di polizia e dei carabinieri specializzato che sappiano accompagnare e tutelare le donne dopo la denuncia per aver subito violenza, perché evidentemente la legge sul reato di stalking da sola non funziona”.

Dal canto suo, Inbilicoteatro e film è sempre stata una realtà teatrale e cinematografica attenta a raccontare le storie degli ultimi, degli invisibili, come testimonia il documentario di Andrea Canova sull'Ex O.P.G. Di Sant' Eframo Je so' Pazzo. “Credo fortemente nel valore politico e civico del teatro, ed in generale delle arti visive. Quando ho letto Mio Padre ne sono rimasta incantata. Una narrazione così avvincente e  profondamente in contrasto con la storia  ne permette un adattamento teatrale che altrimenti diverrebbe mera trasposizione letteraria del testo”, sottolinea Ramona Tripodi, che ha contributo a fondare Inbilicoteatro e Film.

L’ingresso è libero con sottoscrizione consigliata. L’incasso della serata verrà devoluto al gruppo appartamento gestito dalla cooperativa sociale Etica (Energy to Increase Children Assistance), del gruppo Gesco, un luogo protetto che accoglie nel quartiere Arenella ragazze difficili, adolescenti che hanno subito abusi sessuali in famiglia, con un vissuto problematico alle spalle come problemi di dipendenza o percorsi di adozione andati male.

amicar sharing

napolicittasolidale

napoliclick

buona causa

card-farepiu copia

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla Segreteria:

081.787.2037 int. 5 - gesco@gescosociale.it

rassegna stampa

nelpaeseit